La ricompensa

Come primo articolo di questo 2015 avevo in mente qualcosa di un po’ più corposo rispetto alle ultimi post. Ma come si suol dire, il blogger pianifica, la blogosfera ride.

Rimando i buoni propositi almeno a fine febbraio, ma anche a fine marzo, ma anche a fine aprile (2016), però mi dispiacerebbe non postare niente.

Vi propongo quindi un piccolo gioiellino che sono andato a riesumare per l’occasione.

Certo, il medium è diverso rispetto a quello di cui solitamente parliamo qui su Sudare Inchiostro, ma si tratta pur sempre di narrativa, e chi ha voglia di imparare può trovarci spunti molto interessanti. In particolare, questo cortometraggio vi dimostra come in una brevissima opera di narrativa si possano fare, tutte insieme, le seguenti cose:

  • raccontare una storia coerente e autoconclusiva
  • caratterizzare i personaggi
    • senza che questi dicano una sola linea di dialogo
  • trasmettere un messaggio (ovvove!) positivo, ma
    • in maniera non stucchevole
  • non prendersi troppo sul serio, riuscendo comunque ad appassionare
  • cacciarvi la sorpresa dopo i titoli di coda.

E il tutto in meno di dieci minuti.

Scusate se è poco.

Questa voce è stata pubblicata in Film e telefilm, Web e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Provami che sei reale (e che hai la licenza elementare)! *